Si può essere mamme a 40 anni?

mamma quarantenneQual è il Paese con il maggior numero di mamme alla prima gravidanza dopo i quarant’anni? Avete indovinato, è l’Italia. Il nostro Paese vede da diversi anni una crescita dell’età media a cui le donne arrivano al primo figlio. Persino la media generale della prima cicogna (31 anni e 3 mesi) è un primato europeo condiviso dalle italiane solo con le irlandesi. Le condizioni economiche e l’instabilità del lavoro non sono certo le uniche ragioni. Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia e sessuologia medica del San Raffaele di Milano, ne individua altre in Mamma a 40 anni (Giunti Demetra), volume da poco in libreria scritto a quattro mani con la giornalista Valeria Cudini: ad esempio una maturità psicologica raggiunta tardivamente oppure una stabilità affettiva trovata dopo diverse relazioni non andate a buon fine.

10 regole per diventare mamma a 40 anni

Ecco le dieci regole che ogni mamma quarantenne dovrebbe tenere a mente prima di partire.
1. Nonostante la vita media si sia allungata di oltre trent’anni, la stagione della fertilità femminile è rimasta la stessa di cento e mille anni fa: a 30 anni subisce il primo colpo, a 35 il secondo e dopo i quarant’anni nella maggioranza delle donne è ormai quasi esaurita.
2. Chiedete a mamma, nonne e sorelle maggiori a quale età sono andate in menopausa spontanea. La menopausa precoce ha una forte componente genetica e tende anzi ad anticipare rispetto alle generazioni precedenti: se la mamma l’ha avuta a 38 anni, la figlia potrebbe averla già a 35 e quindi iniziare a ridursi anche prima dei trent’anni.
3. Non si è mai troppo giovani per andare in menopausa: forme spontanee o prodotte da cure mediche come gli interventi per cisti ovariche o endometriosi, la chemio e la radioterapia possono comparire anche in donne giovanissime, di vent’anni o meno.
4. Attenzione se il ciclo è diventato irregolare: prima di “regolarizzarlo” con la pillola è indispensabile capire perché questo accade. Utile valutare la “riserva ovarica”, cioè la capacità dell’ovaio di produrre ovociti. Il valore più affidabile è l’Amh (ormone anti-mulleriano): più è basso più la fertilità è ridotta.
5. Se l’Amh è basso ma siete single oppure per il momento non potete o volete avere un figlio, dopo la valutazione specialistica potreste proteggere la vostra fertilità ricorrendo alla crioconservazione degli ovociti: prelevati e congelati, saranno disponibili e vitali per circa dieci anni. Il metodo non dà certezza di concepimento ma comunque un’ottima chance in più.
6. Scegliete stili di vita sani: quelli inadeguati riducono la fertilità. Se una donna fuma 10-20 sigarette al giorno dall’adolescenza a trent’anni avrà l’ovaio di una quarantenne, con ridotte possibilità di concepimento anche tramite fecondazione medicalmente assistita. Non solo: il fumo anticipa l’età della menopausa di circa due anni.
7. Usate sempre il profilattico per ridurre il rischio di malattie sessualmente trasmesse che possono colpire l’endometrio (endometrite), le tube (salpingite, occlusione tubarica), il peritoneo (peritonite, malattia infiammatoria pelvica, dolore pelvico cronico).
8. Cercate di restare in peso forma: il tessuto adiposo produce sostanze infiammatorie: più si è infiammate, meno si è fertili.
9. Fate annualmente una visita ginecologica con ecografia transvaginale e pap-test per un checkup periodico della vostra salute e fertilità.
10. Importante essere in forma fisica e mentale: almeno tre mesi prima di concepire, fate una visita pre-concezionale insieme al vostro partner. Il medico potrebbe suggerirvi di assumere acido folico e altre vitamine e oligoelementi utili a ridurre il rischio di malformazioni, ma anche per curare malattie che potrebbero ridurre la fertilità o pregiudicare il decorso della gravidanza.

puntoesclamativoAttenzione al ferro e alla celiachia. Persino la carenza di nutrienti può influire sulla gravidanza, specie in donne non più giovanissime. Ad esempio il ferro: «Durante la gestazione la sua richiesta aumenta da 0,8 milligrammi al giorno nelle prime 10 settimane a 7,5 nelle ultime 10», spiega Alessandra Graziottin. Anche le linee guida del Ministero della salute spiegano che le donne in gravidanza dovrebbero essere incoraggiate a consumare alimenti ricchi di ferro tra cui carne magra, pesce, pollame, frutta a guscio e cereali. Tuttavia esistono altre condizioni che possono provocare anemia da carenza di ferro: ad esempio un ridotto assorbimento intestinale dovuto a celiachia, intolleranza al lattosio o a sindrome da intestino irritabile.

L’articolo completo su Diva e Donna, 19 gennaio 2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...