Non siamo computer!

Alcuni passanti sono testimoni di una colluttazione tra un automobilista mingherlino e un camionista. A spuntarla è il primo. Interrogati a distanza di qualche giorno, gli spettatori involontari ricordano (errando) che ad avere la meglio è stato il camionista. Il motivo? Sono stati ingannati dalla memoria, complici gli stereotipi. In altre parole, non ricordando esattamente come sono andate le cose, la maggior parte dei testimoni riempie involontariamente le lacune della propria memoria con supposizioni e luoghi comuni (il camionista è più forte del gracile automobilista). Generando così quelle che i neurologi chiamano false memorie.

Dettagli inventati
Di situazioni come queste gli studiosi ne hanno riprodotte a decine, nel corso degli studi sulle facoltà cognitive condotti da trent’anni a questa parte, arrivando alla conclusione che la memoria non registra gli eventi ma li interpreta. «Alcuni pazienti affetti da disturbi della memoria», spiega Fabrice Guillaume del Laboratorio di psicologia cognitiva all’Università Aix-Marseille (Francia), «forniscono persino descrizioni dettagliate di conversazioni immaginarie con personalità che non hanno mai incontrato». Ma come è possibile? «In alcune situazioni», spiega Manila Vannucci, psicologa all’Università di Firenze e autrice di Quando la memoria ci inganna. La psicologia delle false memorie (Carocci), «sono le nostre aspettative a indurre falsi ricordi, ad esempio portandoci ad aggiungere dettagli plausibili ma inesistenti».

Non siamo dei computer
La memoria non funziona infatti come quella di un computer. Quella informatica è molto semplice: manipola quantità relativamente scarse di informazioni e quando si cancella un file lo spazio vuoto viene occupato da altri dati. «Nel cervello invece i ricordi svaniscono quando la materia grigia si riorganizza», spiega François S. Roman del Laboratorio di neuroscienze integrative e adattative all’Università Aix-Marseille (Francia). A livello cerebrale, infatti, i ricordi non sono altro che alterazioni del funzionamento elettrico: «Prima che si formino, infatti», prosegue lo studioso, «nelle reti neurali l’elettricità circola in maniera casuale. Quando il ricordo si forma, la circolazione dell’elettricità migliora in un preciso settore della rete, destinato a differenziarsi da quelli che l’informazione da memorizzare non ha attivato».

La memoria dello studente
Insomma, i ricordi non hanno una sede specifica. Per questo la memoria è ribelle, ad esempio quando capitano quei vuoti di memoria che gli studenti conoscono bene: «Si tratta di un fenomeno molto comune», ha spiegato in una recente intervista Vincenzo Cestari, associato di ricerca presso l’Istituto di neuroscienze del Cnr e docente alla Lumsa di Roma. Nella memorizzazione di un’informazione un ruolo fondamentale gioca infatti il contesto in cui essa viene acquisita: «Se ci troviamo in condizioni simili a quelle in cui abbiamo studiato è più facile recuperarla», aggiunge Cestari. Il che ovviamente non avviene quando uno studente è di fronte al professore, in un luogo ben diverso dalla stanza dove ha preparato l’esame.

Tecnica latina
Non a caso si basa su questo concetto una delle tecniche mnemoniche preferite dalle persone dotate di una memoria straordinaria, come la trentaduenne Mara Brescianini che lo scorso anno ha partecipato a Roma (unica italiana in gara) all’Italian Memory Championship, prima edizione nazionale dei World Memory Championships, i campionati mondiali della memoria lanciati nel 1991 dal saggista inglese Tony Buzan. Brescianini, come molti altri partecipanti, usa la tecnica dei loci (“luoghi”, in latino). Con questo sistema, citato già da Cicerone, i singoli dati o nomi da ricordare vengono mentalmente sovrapposti a immagini di un percorso ben scolpito nella mente, come ad esempio quello che ci conduce da casa a lavoro. La rappresentazione visuale aiuta infatti a ricordare l’ordine di fatti o oggetti.

Facciamo come i camerieri
Certo una scorciatoia per i deboli di memoria sono appunti e agende, ma con qualche limite: «Possono farci credere di avere tutto sotto controllo anche se così non è: non ci permettono di gestire gli imprevisti», spiega lo psicologo milanese Davide Algeri. «Per molte persone che temono di non ricordare, seguire liste di impegni può infatti diventare un’ossessione». Meglio quindi contare sulle associazioni mentali, processi che avvengono naturalmente nei bambini ma anche nei campioni di memoria. A confermarlo uno studio pubblicato da Nature secondo cui la supermemoria non dipende da aree cerebrali ipersviluppate ma da strategie di apprendimento. Tutti insomma possiamo migliorarla, è sufficiente volerlo e metterci un po’ di passione: se una cosa ci interessa la probabilità di ricordarla in modo dettagliato è sicuramente più alta. Ecco perché solo i camerieri veramente motivati a fare il proprio lavoro non hanno alcuna difficoltà a memorizzare gli ordini senza annotarli.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...