I segreti per rimorchiare

Volete andare a letto con una bella ragazza (o un bel ragazzo)? Fidanzatevi: gli accoppiati piacciono di più. Non è un luogo comune: il fenomeno dipende dal cosiddetto effetto San Matteo, come spiega l’economista Robert H. Frank della Cornell University (Usa). Non essere single è di per sé garanzia di affidabilità agli occhi dei potenziali pretendenti: un fenomeno conosciuto proprio in economia e chiamato in questo modo in riferimento all’evangelista che disse «perché a chiunque ha, sarà dato». In altre parole, piove sempre sul bagnato. A questo poi si aggiunge il fenomeno psicologico della memoria selettiva secondo cui «le persone hanno la tendenza a ricordare maggiormente gli eventi sfortunati perché si fissano nella memoria», come afferma Lewis Dartnell dello University College of London. In altre parole ricordiamo con più facilità i casi in cui ci sentiamo abbattuti perché qualcuno ci corteggia da fidanzati (e noi non possiamo ricambiare) piuttosto che i corteggiamenti che abbiamo potuto ricambiare.

Le belle vanno solo con i belli
Se poi siete belli, il gioco è fatto. Perché un altro studio pubblicato sulle pagine di Psychological Science conferma un secondo luogo comune: i belli vanno con le belle e i brutti con le brutte. Triste ma è così: insieme ad alcuni colleghi, Dan Ariely, anche lui economista comportamentale ma al Massachusetts Institute of Technology (Usa), ha passato al setaccio un sito internet per cuori solitari che permette agli iscritti di valutare l’aspetto fisico degli altri visitatori e di fissare appuntamenti al buio. Analizzando gli scambi di messaggi avvenuti nel portale nell’arco di una decina di giorni, Ariely ha notato che le persone tendono a fissare incontri reali con uomini e donne valutati dai visitatori del sito con punteggi non troppo diversi dal proprio. In pratica, ognuno conosce il proprio potenziale e tende a non svalutarsi cercando partner più brutti e a non sopravvalutarsi, con il rischio di rimanere delusi, puntando troppo in alto.

Uomini incoscienti (della propria bruttezza)
Tuttavia, come spiegano i ricercatori, «gli uomini sembrano meno consapevoli del proprio aspetto». È forse per questo che molti bruttoni, nel mondo virtuale e in quello reale, non si fanno problemi a proporsi a donne decisamente fuori dalla loro portata: semplicemente non hanno un corretto metro di valutazione. Passando così per degli sprovveduti agli occhi di molte ragazze.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...